Novità

swan-584412_1920

 

Questo è lo spazio ded­i­ca­to al “work in progress”, dove è pos­si­bile leg­gere pic­coli spoil­er dei miei lavori in cor­so.

 

Post 4 mag­gio 2015

Sei tu?” sus­sur­rai di nuo­vo e lui sospirò.

Ssh… sta zit­ta”
Dim­mi solo che non è un sog­no, dim­mi che non ti sto immag­i­nan­do”
“Non fa dif­feren­za. E’ un sog­no; oppure no. E’ quel­lo che vuoi tu”
Gli tirai i capel­li e lui assot­tigliò le palpe­bre. Sen­za tante cer­i­monie si sbaraz­zò di ciò che c’era sopra la scriva­nia, mi affer­rò per i fianchi e mi fece sedere. “Ora che ti sem­bra?”
L’afferrai per i ris­volti del giub­bot­to di pelle, e lo tirai giù.
“Appe­na lo so, te lo dico” e lo baci­ai.  

 

tumblr_nnp4bx68FM1rhphwmo1_500

 

Post 8 mag­gio 2015

«Non sai il ris­chio che cor­ri con me» mi prese il lobo fra i den­ti, facen­do­mi rab­bri­v­idire da capo a pie­di.
«Lo so, invece. Dal pri­mo momen­to in cui ti ho vis­to»

Lui è cat­tivis­si­mo. 
Lei è… non ve lo dico! s

 

 

20 mag­gio 2015

«Ques­ta è una fol­lia» lo sen­tii ritrar­si e mi prese il pan­i­co. 

«Sì, forse è una fol­lia. Ti prego, “non lib­er­ar­mi adesso”!» Sbat­té le palpe­bre, forse sor­pre­so, forse delu­so da tan­to caparbio ego­is­mo. Gli sor­risi in modo dolce e un po’ del pan­i­co di cui era pre­da, svanì.tumblr_m5irjt723M1qkyxgpo1_500

9 giug­no 2015

«Scom­met­to che ha trova­to un sac­co di modi per diver­tir­si con te»
«Bas­tar­do! Sai bene che…» non le las­ci­ai il tem­po di finire la frase, l’afferrai per i capel­li e me la tirai addos­so.
«Ahi! Mi fai male!»
«Voglio sapere cosa avete fat­to, o giuro che vado a chieder­lo diret­ta­mente a lui.» Lei impal­lidì, forse ebbe pau­ra, e non a tor­to, ero come impazz­i­to. Il solo pen­siero di lui che la toc­ca­va e la baci­a­va dap­per­tut­to, e lei che si affan­na­va a dar­gli piacere, mi man­da­va fuori di tes­ta.
«Sto aspet­tan­do!» la strat­ton­ai piano. «Che caz­zo ci hai fat­to, me lo dici?» Dopo qualche sec­on­do, mi gelò così.
«Non ho pau­ra! Non ho mai avu­to pau­ra! E quel­lo che ho fat­to, o farò, con lui, sono solo affari mie!»
«Rispos­ta sbagli­a­ta» le bis­bigli­ai in un orec­chio. Cieco di gelosia l’afferrai per le spalle e…

11406986_1612489079034921_5339296062499086_n

 

14 giug­no 2015

«Sei un luri­do bas­tar­do!» lo aggredì, affon­dan­dogli un dito in mez­zo al torace.

21013_1614635068820322_7733435229062776563_n

 

18 giug­no 2015

Pochi istan­ti ed ebbi la sen­sazione che i miei occhi si spalan­cassero lenta­mente, come se volessero pren­dere tem­po, per abit­u­ar­si a ciò che ave­vano davan­ti. A. era a pochi pas­si di dis­tan­za.
Indos­sa­va un giub­bot­to nuo­vo, bor­da­to di pelle rossa. Era sporco di fan­go dai pol­pac­ci in giù. Con una mano tene­va il cas­co, con l’altra stringe­va una sigaret­ta acce­sa.
«N., ora las­ciala.» N., anco­ra con la boc­ca sul mio col­lo, s’immobilizzò. Imprecò a bas­sa voce, mi stam­pò un bacio sul­la gola e indi­etreg­giò di un pas­so.
«Smet­ti con ques­ta sto­ria, non è tua.»
«Non appar­tiene nep­pure a te» chiarì A., come se questo lo autor­iz­zasse a met­ter­si in mez­zo.
«Sen­ti, devi smet­ter­la di fare così. É da quan­do siamo nati che ti com­por­ti in questo modo. Vuoi tut­to ciò che mio; beh, sai che c’è? Sta­vol­ta dovrai rin­un­cia­re. Lei res­ta con me.» Sen­za avere il tem­po di capire, N. si ritro­vò lon­tano, con un brac­cio pie­ga­to dietro la schiena, l’altro oltre la tes­ta. Il cas­co rotea­va sul pavi­men­to, la sigaret­ta brilla­va poco più in là.

omg

 

 

10/07/2015

Divar­i­cai le gambe, un ven­taglio che svela la sua for­ma armon­i­ca. Ecc­i­tazione, pau­ra, trep­i­dazione. Lo sen­tii duro, pul­sare con­tro la mia carne. Mi sol­lecitò con le dita, la boc­ca, la lin­gua. Chiusi gli occhi cer­ta che quan­do li avrei ria­per­ti sarei sta­ta sola, sul let­to del­la mia stanzetta da pri­gion­iera. Invece no; lui era anco­ra là, il capo che si muove­va lenta­mente, le dita, i den­ti, la lin­gua non smet­te­vano di tor­tu­rar­mi. Quan­to anco­ra avrei resis­ti­to pri­ma di scioglier­mi come zuc­chero nel tè? «Io» bias­ci­cai, una mano sul­la sua tes­ta, l’altra sul­la mia, che era leg­gera e pesante allo stes­so tem­po. «Non so cosa viene dopo, ma cre­do di non pot­er resistere più.» Alzò il capo, si lec­cò le lab­bra. La sua lin­gua scorse avan­ti e indi­etro, poi sparì fra le pieghe del­la boc­ca, luci­da dei miei umori. ‘Che oscen­ità!’ trasalii, tre­man­do, ribol­len­do. Lui mi guardò e sor­rise, poi scom­parve di nuo­vo fra le mie gambe. Si fece largo con le mani, spinse con la pun­ta del­la lin­gua, in giù, in fon­do, allargò, dilatò, inu­midì. ‘Ahi­ii!’ urlai nel­la mia tes­ta. Temet­ti che se lo aves­si fat­to a voce alta si sarebbe fer­ma­to. Si resse sui gomi­ti, e, tenen­do gli occhi incol­lati ai miei, premette il baci­no con­tro il mio.

Bang!

Un’esplosione, un boa­to.

Tut­to den­tro di me.

tumblr_np5fq8ALwW1s1z7a9o1_400

4 thoughts on “Novità

  1. Ciao! Fra cinque, sette giorni sug­li Store on line.
    Sto val­u­tan­do anche il car­taceo, per quel­lo ci vor­ran­no un paio di set­ti­mane. Bacione <3

  2. Ciao ma adesso il libro lo tro­vo nelle librerie? Sec­on­do me ne vender­si molte e te lo auguro ❤ bacione!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*