È il des­ti­no che decide il cor­so del­la vita? Oppure siamo noi che con le nos­tre deci­sioni ne devi­amo il per­cor­so?
È l’alba di un nuo­vo giorno quan­do Regi­na decide di pren­dere una scor­ci­a­toia per rag­giun­gere più in fret­ta il vil­lag­gio di And­ri­na, e così si imbat­te in qual­cosa di impre­vis­to e inim­mag­in­abile.
Misha entra nel­la sua vita.
“A volte vor­rei non amare al pun­to da sac­ri­fi­care tut­to. Ma… amo e non esiste altra ragione al mon­do per cui vale la pena met­tere in gio­co se stes­si.
Con­tin­uo a ripeter­mi che di sog­ni non si vive, ma sono l’unico espe­di­ente che mi tiene a gal­la.
Ogni tan­to mi capi­ta di sognare il mio solda­to dagli occhi scuri. “Sono venu­to a pren­der­ti.” dice pri­ma di avvol­ger­mi in un abbrac­cio cari­co di promesse. Poi mi sveg­lio, gli occhi pieni di lacrime e il cuore vuo­to.
Lui non ver­rà a por­tar­mi via.”
Tut­tavia, il des­ti­no ha già deciso.
“Non sarà per mano mia, non so quan­do, ma so per­ché.
Presto o tar­di ci lascerò le penne, mag­a­ri sarò io stes­so ad andare incon­tro alla morte e final­mente avrò il riposo che agog­no da tan­to tem­po.
Il son­no del guer­riero.
Ho trentac­inque anni eppure avver­to la sen­sazione di aver vis­su­to cen­to vite e che ogni giorno duri un’eternità.
Mi guar­do indi­etro e scor­go la scia di sangue che ho las­ci­a­to durante questi anni. Non sono un sen­za Dio, sono un solda­to, e pri­ma che alla legge div­ina devo obbe­dien­za all’esercito che ho giu­ra­to di servire.
Mi guar­do indi­etro e scor­go il viso dell’Angelo che mi ha tenu­to aggrap­pa­to a ques­ta esisten­za. Nonos­tante tut­to, vale la pena vivere se ho la sper­an­za di rin­con­trar­la.”
Nel­la radu­ra dove il silen­zio è tor­na­to a imper­are, Regi­na appare dal nul­la e sal­va la vita di Misha, poi scom­pare. A dis­tan­za di mesi, a causa dell’inevitabile dis­eg­no del fato, i due si rin­con­tra­no e sta­vol­ta toc­cherà al solda­to difend­ere la vita del suo ange­lo a cos­to di sac­ri­fi­care la sua. Del resto è questo che fan­no gli uomi­ni come lui: pro­teggono gli inno­cen­ti.

Copyright Tut­ti i dirit­ti ris­er­vati

Rhoma G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.