tumblr_mxcjl4XjbW1s8q8spo1_400Lunedì , ore 23:30

Mi addormentai sul divano, distrutta nel fisico e, senza motivo apparente,

anche nella mente.

Sognai di nuovo Carter.

 

Martedì , ore 03:00

Mi svegliai in preda a brividi di freddo ed era parecchio strano perché al contempo

ero sudata fradicia.

Forse avevo preso l’influenza.

Dal divano mi trascinai sul letto. Sperai di riprendere sonno e stavolta dormire

senza che la faccia da schiaffi di Carter del liceo, tornasse a torturarmi.

Non vi fu verso.

Faccia da schiaffi in tutte le salse.

 

Martedì , ore 04:15

Rimasi a crogiolarmi nel dormiveglia più agitato della mia vita per un’altra ora

abbondante fino a quando forse mi addormentai, o forse svenni, non saprei

dire esattamente. L’unica certezza era lo sfinimento di cui ero preda.

 

Martedì , ore 07:30

La suoneria oscena del mio cellulare mi svegliò.

Con un occhio aperto afferrai l’aggeggio infernale, il telefono, che spandeva

nell’aria un terribile motivetto country, e lo spensi togliendo la batteria. Tornai

ad affondare la faccia nel cuscino, ma la pace durò solo qualche istante. Fino a

quando cioè, il telefono di casa cominciò a trillare. Non mi mossi, al quarto

squillo si sarebbe inserita la segreteria.

“Salve! Sono Grace, dopo il bip sapete cosa fare.”

Beeeppp!

-Muovi le chiappe e rispondi al telefono, so che ci sei, biscottino.-

 

 

Pag 59 Capitolo 6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.